Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo

  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo
  • Calcio a 5: il Grazia Pantelleria dura solo un tempo

ARTICOLO DI MONREALENEWS.IT

Per il Monreale dei giovani missione compiuta: il Pantelleria dura solo un tempo

di Enzo Ganci -  Calcio a 5

I biancazzurri rialzano la testa ed intascano un 9-4 che serve per la classifica e per il morale.

MONREALE, 4 febbraio – Avviso ai naviganti: il Monreale c’è e di mollare non ha la minima intenzione. La settimana più difficile della giovane storia del club biancazzurro, cominciata con la sospensione di una partita di follia, proseguita con la mannaia del giudice sportivo, si conclude nel migliore dei modi: con una confortante vittoria col punteggio di 9-4 ai danni del Grazia Pantelleria, che consente di proseguire la corsa.

Sottolineiamo subito un fatto: la vittoria odierna contro un volenteroso Pantelleria, trascinato dal capocannoniere del campionato, Giovanni Di Malta, è di un’importanza capitale. Dopo i giorni tribolati che ha vissuto la società, non centrare oggi l’obiettivo dei tre punti sarebbe stato come dare il colpo di grazia ad un moribondo.
Ed invece il Monreale ha reagito da grande squadra, tirando fuori quegli attributi che sono serviti ad uscire da una situazione difficile. Sì, perché, il Pantelleria, che non aveva alcune intenzione di fare da vittima sacrificale, ha cominciato a giocare alla grande e, complice un posizionamento sbagliato sul campo della difesa monrealese, con due rapide azioni, tipiche di una squadra che mette il cuore su ogni palla, era riuscito a portarsi addirittura sul 2-0. Nicholas Rizzo prima ed, appunto, Di Malta poi, avevano dato i primi due dispiaceri al Monreale, quando erano passati soltanto 15’.
A quel punto sono stati in tanti a pensare al peggio e a scrutare nuvoloni neri sull’orizzonte monrealese. I biancazzurri, però, non si sono disuniti, riuscendo a replicare nel finale di tempo, prima con il baby Davide Fanara al 25’, quindi con capitan Massimo Lanza prima dello scadere di tempo che con un sinistro al veleno ha riportato il match in parità.
Nella ripresa è successo quello che era successo nella partita d’andata, disputata a Pantelleria. Gli isolani, come ha poi ammesso mister Rizzo a fina gara, sono vistosamente calati atleticamente ed il Monreale, che della tenuta atletica fa invece il proprio cavallo di battaglia, è uscito fuori alla grande.
Ci ha pensato al 5’ Dario Tarallo, un altro juniores, bravo a sfruttare un assist al bacio di Massimo Lanza a mettere la freccia e siglare il gol del momentaneo 3-2, quindi l’ennesimo ragazzino, Claudio Giammona, intascava due “cioccolatini” che gli regalavano Pietro Costantino e Lucio De Francesco, autori di due splendidi assist, ed allungava fino al 5-2.
Il Pantelleria, quando il Monreale allentava un attimo la presa, si rifaceva sotto con il solito Di Malta (veramente un gran bel giocatore) e tornava a ruggire, portandosi sul 5-4.
Per i panteschi, però, era il canto del cigno. Marco Casamento al 24’ timbrava il suo solito cartellino, poi un’applicazione davvero scarsa del “quinto di movimento” effettuata dagli isolani, spianava la strada al Monreale: ancora Fanara ed un doppio Costantino fissavano il punteggio sul 9-4 finale.
Per i biancazzurri, adesso, si presenta la difficilissima sfida in casa del Villaurea, oggi “giustiziere” dello Studio De Santis. Al Paladonbosco, fra una settimana, c’è da scommetterci, sarà una gran bella sfida.

Le foto della gallery sono state realizzate da Giovanni Alan Fontana

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Se questo articolo ti è piaciuto, CONDIVIDILO!

PinIt