Come sarebbe Pantelleria senza l’Arco dell’Elefante?

No-Arco_Raffaella-Marianna-Pitone

Vi siete mai chiesti come sarebbe un luogo senza i suoi simboli storici, monumentali o naturalistici?

Pensate a Pantelleria ed alla sua natura geologica che nel passato ha visto numerosi mutamenti.

Pensate come potrebbe diventare in futuro se il fondo del nostro mare continua a muoversi e pensate cosa l’uomo sta facendo per velocizzare questo processo attraverso la spasmodica corsa all’oro nero.

Noi ci abbiamo pensato e volutamente provocato nei vostri animi lo sdegno nei nostri confronti per aver osato anche solo immaginare. Ma in realtà lo shock che avete provato nei confronti di questa immagine (volutamente mal ritoccata digitalmente) è più profondo. Tutti voi lo avete pensato almeno una volta: come sarebbe Pantelleria senza l’Arco dell’Elefante?

Sarebbe sempre la nostra Pantelleria, si, ma la preoccupazione del perdere i simboli va ben oltre l’affetto privato che ognuno di noi prova nei confronti del suo luogo. Ci si preoccupa della bellezza che può sparire, del Turismo che non si può più richiamare, dei simboli ai quali appoggiarsi per sentirsi più sicuri.

Cosa sarebbe Milano senza il Duomo o Roma senza il Colosseo? Città, luoghi.

Pantelleria, indipendentemente dalle cause naturali, rischia comunque una progressiva perdita dei suoi monumenti storici più importanti come ad esempio i Sesi, sempre più abbandonati, la Grotta di Sataria, gioiello chiuso in un cassetto , l’Acropoli di San Marco per non parlare poi del centro storico.

Qui non è la natura che distrugge ma l’uomo. Ci scandalizziamo se qualcuno ipotizza un’isola senza il suo Arco ma non lo facciamo di fronte a quello che l’uomo realizza di malvagio nella mostra isola.

Pensiamoci ogni tanto!

Pantel

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Se questo articolo ti è piaciuto, CONDIVIDILO!

PinIt