Glutine e Capperi di Pantelleria

capperi-01

Articolo di REPUBBLICA.IT

Alimentazione (e non solo)

Vivere Gluten Free: le notizie di aprile

Curiosità, ricette e news dal mondo del gluten-free

L’ingrediente naturalmente senza glutine
> 12 mesi di prodotti sostenibili e gluten free! i CAPPERI di Pantelleria
Isola tradizionalmente di agricoltori e non di pescatori, Pantelleria - stretta nel canale di Sicilia – è famosa soprattutto per due prodotti: i capperi e il vino passito.
Questo mese abbiamo puntato i riflettori sui capperi, grazie anche alle aziende locali che del prodotto valorizzano ogni parte, comprese le foglie e il sale della salatura, come per esempio La Nicchia. Procedimento, questo, che a Pantelleria avviene in modo diverso rispetto alle altre zone di produzione in quanto il cappero è messo a contatto direttamente con il sale e non in una salamoia di acqua e sale. Ne parleremo nella nostra rubrica Ingrediente del mese di Aprile settimana prossima, dove Pantelleria è anche meta indicata per un turismo sostenibile grazie alle scelte che l’amministrazione comunale ha intrapreso e sta intraprendendo negli ultimi anni.
Se la conoscete e l’amate già, o se non ci siete mai stati e state pianificando una vacanza lì, considerate il turismo “fuori stagione”: per clima e connotazione del territorio Pantelleria è una meta ottima quasi in ogni mese dell’anno. E uno degli aspetti del “turismo sostenibile” è proprio scegliere di passare le vacanze nei periodi cosiddetti di “bassa stagione”.
Infine, prima di andare ai fornelli, ci fa piacere pubblicare anche in questa rubrica il link della campagna di crowdfunding appena lanciata e che si concluderà a Marzo 2018: si tratta della più grande campagna di raccolta fondi in tema ambientale, “10.000 alberi per Pantelleria: per non dimenticare l’incendio 2016”, ideata e realizzata dal Comitato Parchi per Kyoto, in collaborazione con il Comune di Pantelleria, Federparchi-EuroParc Italia, Kyoto Club, Legambiente, Marevivo e il Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali dell’Università degli Studi di Palermo.
L’intervento consisterà nella ripiantumazione di specie autoctone nelle aree degradate e il progetto – che fa seguito al disastroso rogo doloso del 2016 – è sostenuto in partnership con PlanBee, società che gestisce la prima piattaforma web dedicata alla raccolta fondi per opere civiche in Italia, soprattutto di natura ambientale. Al link PlanBee-10.000 alberi per Pantelleria tutte le informazioni e i dettagli per contribuire e per approfondire il progetto.
Ma ora, godiamoci il sapore del mare e il profumo dei capperi con una ricetta completamente gluten free che ci arriva da un’altra isola splendida, la Sardegna, grazie allo chef Gianni Multineddu, dell’Hotel Abi d’Oru di Porto Rotondo.

Vivere Gluten Free: le notizie di aprile

ZUPPETTA DI MARE ABI D’ORU
ricetta Gianni Multineddu, Executive Chef Hotel Abi d’Oru di Porto Rotondo in Sardegna, affiliato a Conde Nast Johansens

Per 4 persone
400 gr. di seppie
400 gr. di calamari
16 cozze a mezzo guscio
una manciata di vongole
16 gamberi argentini
12 capperi sotto sale
2 zucchine
2 carote
Germogli di barbabietole
Aglio, pomodoro, sale, vino bianco, olio extra vergine di olive

Dissalate i capperi mettendoli a bagno per qualche minuto in una ciotolina con acqua calda e un cucchiaio di aceto bianco. In un tegame basso e largo fate rosolare 3 spicchi d’aglio privati dell’anima. Appena rosolati toglieteli e mettete a cuocere le seppie precedentemente tagliate a bastoncini abbastanza grossi insieme alle carote arrotondate con uno scavino. Fate cuocere con un coperchio per una mezz’ora finché non si inteneriscono (se è il caso aggiungete un bicchiere d’acqua tiepida). Quindi aggiungete i calamari a rondelle e le zucchine sempre arrotondate, fate cuocere ancora dieci minuti. Dopodiché bagnate con un bicchiere di vino bianco e fate sfumare, aggiungete i capperi, rabboccate con un bicchiere di acqua e uno di passata di pomodoro, insaporite con poco sale, pepe e basilico. Ora aggiungete le cozze e i gamberoni sgusciati e le vongole. Fate cuocere ancora cinque minuti. Date un grattugiata di zenzero fresco, spegnete e lasciate riposare 10 minuti. Siete pronti per impiattare e…buon appetito.

Se questo articolo ti è piaciuto, CONDIVIDILO!

PinIt