Pantelleria: approvato Piano di Zona Distretto Socio-Sanitario Pantelleria 2013/2015

1903009_10154001268595447_2176611411643595343_n

APPROVATO IL PIANO DI ZONA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI PANTELLERIA PER IL TRIENNIO 2013/2015.

Assegnati a Pantelleria 438.762,32 euro per le Politiche Sociali, quale finanziamento per il nuovo Piano di Zona approvato dalla Giunta Comunale per garantire, nel prossimo triennio.

“Il Piano di zona ha cinque schede d’intervento diverse – spiega il vicesindaco Angela Siragusa – i fondi sono notevolmente ridotti rispetto alle precedenti annualità, quindi abbiamo lavorato per ottimizzare risorse ed interventi. Si è cercato di prestare molta attenzione ai bisogni delle famiglie, inoltre le scuole ci hanno chiesto di sostenere gli interventi delle borse lavoro per l’assistenza agli alunni diasabili.”Il progetto delle BORSE LAVORO prevede inserimenti lavorativi destinati a 6 giovani, dai 16 ai 35 anni, per interventi diversificati: accompagnamento di minori, anziani e disabili; supporto domiciliare alla vita quotidiana rivolto a nuclei familiari o a persone in difficoltà; attività di affiancamento e supporto a studenti disabili; attività di doposcuola o ludiche rivolte a minori; supporto ai servizi culturali.

L’azione progettuale dello SPAZIO FAMIGLIA ha la finalità di migliorare e potenziare la fruibilità e l’accesso da parte dei cittadini ai servizi socio-sanitario del Distretto. Il Comitato dei Sindaci e la maggioranza dei componenti del Gruppo Piano hanno ritenuto prioritario istituire un “Servizio di Tutela minori e famiglia” con l’operatività di una specifica équipe. I cittadini potranno accedere al servizio attraverso contatto telefonico o di persona, inoltre potrà essere attivato su richiesta dell’Autorità Giudiziaria e dei Servizi territoriali ed ospedalieri.

L’accesso al servizio è gratuita. I LABORATORI OCCUPAZIONALI PER SOGGETTI SVANTAGGIATI sono rivolti a persone in situazione di disabilità grave e in età compresa fra i 16 e i 30 anni. Ortoterapia o Terapia orticolturale è un metodo riabilitativo del disagio e della disabilità che appartiene all’ambito delle terapie occupazionali, per favorire l’acquisizione di abilità, autonomia e competenze, la stimolazione allo sviluppo delle capacità di interazione e partecipazione, il recupero e la valorizzazione delle parti sane dell’individuo. Il progetto AIUTARE……PER AIUTARCI si rivolge a soggetti con disagio socio economico ed a rischio di esclusione sociale, che verranno formati e successivamente guidati in attività prettamente agricole, utilizzando terreni incolti di proprietà dei Comuni e/o confiscati alla mafia.

Con i VOUCHER SOCIALI si realizzeranno iniziative di contrasto alla povertà come risposta alla crisi economica, rilevata nell’analisi della domanda sociale e al conseguente aumento delle istanze di aiuto economico registrato sia nello scorso anno che nel corso dei primi mesi del 2014. L’intervento, che presenta carattere sperimentale, è finalizzato a dare una risposta concreta a situazioni di carattere contingente, attraverso un piano di lavoro proiettato verso l’autonomia e l’emancipazione dall’assistenza.

Per la stesura del Piano di Zona hanno lavorato in sinergia gli operatori del IV settore, responsabile il dott. Salvatore Belvisi, e la dott.ssa Maria Anna De Vita, consulente esterna, a cui su proposta del sindaco è stato affidato il servizio di assistenza tecnica per l’analisi e la revisione del sistema dei servizi sociali e per le attività di programmazione, progettazione ed attuazione degli interventi comunali nel sistema di welfare territoriale.

FONTE NOTIZIA: CLICCA QUI

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Se questo articolo ti è piaciuto, CONDIVIDILO!

PinIt